Un’altra sfida ricca di fascino e prestigio attende RP Motorsport, chiamata ad affrontare il terzo appuntamento stagionale dell’Indy Pro 2000 Championship. La scuderia diretta da Fabio Pampado sarà infatti protagonista sul Lucas Oil Raceway di Indianapolis, un mini-ovale che consente di raggiungere velocità medie elevatissime e dove non sarà concesso il minimo margine d’errore.

A difendere i colori del team piacentino ci sarà nuovamente lo statunitense Kyle Kirkwood, reduce da due piazzamenti a podio ottenuti nelle prime due uscite stagionali che gli consentono di occupare attualmente la quinta posizione nella classifica generale con un distacco di 41 punti dalla vetta. Un margine ancora ampiamente recuperabile, considerando le dodici gare ancora a disposizione e soprattutto l’eccellente potenziale messo in mostra sia a St. Petersburg che in occasione del round di Indianapolis. Solo eventi poco favorevoli hanno impedito al giovane campione in carica della USF2000 di incamerare un bottino ancora più prezioso, ma all’interno del team si respira un’aria di grande fiducia e ottimismo in vista del prosieguo della stagione.

A completare la line-up di casa RP Motorsport ci sarà il pilota guatemalteco Ian Rodriguez, alla sua seconda esperienza in campionato dopo l’esordio avvenuto ad Indianapolis. Per lui si tratterà del debutto assoluto in gara su un circuito ovale, anche se i test svoltisi nelle giornate precedenti gli hanno sicuramente consentito di accumulare preziosa esperienza e feedback utili da fornire al team. Alle prese con un nuovo contesto agonistico ed una vettura del tutto inedita, l’esordio di Rodriguez è stato sicuramente positivo, anche se per lui i margini di miglioramento restano sicuramente elevati.

Per quanto riguarda le caratteristiche del tracciato, il Lucas Oil Raceway è un ovale atipico, misurando soltanto 0.686 miglia, dunque poco più di un chilometro. Esso consente comunque di raggiungere velocità particolarmente elevate, considerando che lo scorso anno la pole venne siglata alla media di 117 miglia orarie (quasi 190 km/h): la capacità di sfruttare il gioco delle scie rivestirà un ruolo fondamentale, così come l’abilità di sfruttare anche le fasi di doppiaggio nel migliore dei modi per non perdere il ritmo.

Fabio Pampado (Team Principal RP Motorsport): “Arriviamo a questo appuntamento fortemente determinati a voler dimostrare tutto il nostro valore. Lo scorso anno per noi si trattava della prima esperienza in assoluto su ovale, dunque avevamo tutto da imparare, ma questa volta cercheremo di

sfruttare nel migliore dei modi l’esperienza accumulata e soprattutto i test svolti in precedenza, i quali ci hanno fornito sicuramente dei riscontri positivi. Sarà molto importante riuscire a portare a casa punti utili per il campionato, anche perché al momento riteniamo che la classifica non sia veritiera se confrontata ai valori sin qui emersi. La gara sarà molto complicata, ma sappiamo di avere un grande team e di poter contare su due ottimi piloti”.

Il programma prevede nella giornata di Venerdì 23 Maggio lo svolgimento alle 16:15 locali della sessione di prove libere (22:15 italiane), mentre le qualifiche andranno in scena quando in Italia sarà trascorsa da 45 minuti la mezzanotte. La gara unica invece scatterà l’indomani, quando in Italia saranno le ore 1:50 della notte tra Sabato 24 e Domenica 25 Maggio. Gara e qualifica saranno visibili in diretta streaming sul canale YouTube ‘Road To Indy Tv ‘ e attraverso l’app ‘Road To Indy Tv’, mentre er seguire tutte le attività del team è possibile consultare i canali Social (Facebook, Twitter e Instagram) e il sito www.rpmotorsportracing.com

Per tutte le info sul motorsport >> Visita il sito www.livegp.it