E’ stato un week-end sicuramente ricco di soddisfazioni per RP Motorsport Racing sul circuito di Jerez de la Frontera, in occasione del quarto round stagionale della World Series Formula V8 3.5. La scuderia italiana ha infatti colto una splendida vittoria in gara-1 con Roy Nissany, finalmente sul gradino più alto del podio dopo averlo sfiorato a più riprese, mentre Damiano Fioravanti si è imposto nella graduatoria riservata ai debuttanti nella seconda manche.

Un bottino dunque sicuramente positivo per il team diretto da Fabio Pampado, anche se rimane un pizzico di rammarico per il ritiro del pilota israeliano in gara-2, il quale comunque gli consente di rimanere in piena lotta per il titolo essendo soltanto 16 le lunghezze che lo separano in classifica dal leader Rene Binder. Fine settimana invece complicato per Yu Kanamaru, il quale ha comunque portato a casa dei punti preziosi giungendo settimo in gara-1 e decimo in gara-2.

La prima manche del fine settimana in terra andalusa ha visto il team RP Motorsport schierarsi in prima fila grazie all’ottima prestazione ottenuta nelle qualifiche da Roy Nissany, autore del secondo tempo in 1:26.987. Non è stato da meno Yu Kanamaru, eccellente quarto nella prima sessione, mentre Fioravanti si è dovuto accontentare della quinta fila. Il pilota romano è però stato bersagliato dalla sfortuna ancor prima del via di gara-1, quando a causa della rottura di un semiasse si è dovuto arrendere all’inizio del giro di formazione. Allo start, Nissany è scattato alla perfezione issandosi autorevolmente al comando, mentre Kanamaru (presentatosi alla prima staccata in lotta per la seconda posizione) ha subito una ruotata che lo ha costretto a perdere terreno. L’israeliano ha poi condotto magistralmente tutta la gara, nonostante l’ingresso di una Safety Car che ha ricompattato il gruppo, riuscendo a tenere a bada nel finale il ritorno di Fittipaldi e transitando per primo sotto la bandiera a scacchi.

Le qualifiche 2 hanno visto un Damiano Fioravanti grande protagonista, con il pilota romano autore del quarto tempo e capace di sfiorare la prima fila. Meno bene sono andate le cose per Nissany e Kanamaru, rallentati dal traffico nel giro buono e costretti a schierarsi dalla quarta e quinta fila in griglia. Il via della gara ha visto l’italiano perdere un paio di posizioni, tenendo comunque un ottimo passo nelle battute iniziali, con Nissany e Kanamaru intenti a districarsi a centro gruppo.

Nel valzer dei pit-stop, Fioravanti si è concesso anche il lusso di condurre per una tornata la gara, mentre invece Nissany è stato costretto alla resa per un problema alla frizione. Il pilota romano ha condotto poi un ottimo secondo stint di gara, mettendo pressione al leader del campionato Binder, senza però mai riuscire a sorpassarlo: alla fine per lui è arrivato un positivo sesto posto assoluto e soprattutto il meritatissimo successo tra i rookies.

Roy Nissany: “Finalmente ce l’abbiamo fatta! E’ stata una vittoria strepitosa, frutto del grande lavoro di squadra portato avanti dal team in questa prima parte di stagione. Abbiamo dimostrato la nostra crescita, gara dopo gara, ed in questo weekend siamo finalmente riusciti a cogliere questa grande soddisfazione. Peccato per il ritiro di gara-2, anche se sono cose che possono succedere: l’importante è comunque rimanere ancora in corsa per il campionato, visto che la stagione è ancora molto lunga”.

Damiano Fioravanti: “E’ stato un weekend a due volti, per fortuna terminato nel migliore dei modi con un bel successo tra i rookies nella seconda gara. Dopo Monza avevo tanta voglia di riscatto e la fortuna non mi ha aiutato nemmeno in gara-1. Poi la domenica abbiamo apportato alcuni interventi sulla vettura e la situazione è radicalmente migliorata: guardiamo dunque al prossimo appuntamento con grande fiducia”.

Yu Kanamaru: “Purtroppo le cose non sono andate come avremmo voluto, anche se il fine settimana per il team è stato molto positivo grazie alla vittoria di Roy. In gara-1 ero partito molto bene, poi ho ricevuto una ruotata che mi è costata diverse posizioni e ha compromesso la mia gara. La domenica è partita male sin dalle qualifiche, anche se poi il passo non si è rivelato affatto male”.

Fabio Pampado (team principal RP Motorsport Racing): “Siamo molto soddisfatti di questo fine settimana, la vittoria di Roy in gara-1 rappresenta il frutto del grande lavoro di tutto il team. Voglio anche sottolineare la grande prova di Damiano, il quale è riuscito a mettere in mostra tutto il suo potenziale in gara-2 e sono sicuro che potrà farlo da qui sino al termine della stagione. Peccato per il ritiro di Nissany nella seconda gara, ma l’importante è essere ancora lì a giocarcela per il campionato”.

RP Motorsport Racing tornerà in pista nell’ultimo weekend di Giugno, quando al Motorland Aragon la World Series Formula V8 3.5 disputerà il quinto round stagionale, con la scuderia italiana come sempre pronta a recitare un ruolo da protagonista. Aggiornamenti e ulteriori informazioni saranno disponibili sui canali Social di RP Motorsport Racing e sul sito www.rpmotorsportracing.com