Chiusura in grande stile per RP Motorsport Racing nel fine settimana di Monza, in occasione del terzo evento stagionale della World Series Formula V8 3.5. Dopo il secondo posto conquistato da Roy Nissany in gara-1, il pilota israeliano è riuscito infatti a bissare il piazzamento anche nella seconda prova, nella quale ha concluso davanti al compagno di scuderia Yu Kanamaru. Un doppio podio che non fa altro che sottolineare il grande lavoro di squadra realizzato nell’appuntamento sul circuito di casa, con un bottino totale di tre piazzamenti a podio e ben 51 punti raccolti. Peccato per il doppio ritiro di Damiano Fioravanti, il quale dopo il guaio tecnico del sabato è stato vittima di un contatto che in seguito lo ha tolto dai giochi in gara-2.

Il bilancio del weekend brianzolo può quindi ritenersi ampiamente positivo per il team diretto da Fabio Pampado. Le monoposto sia in qualifica che in gara hanno dimostrato di essere tra le più competitive in assoluto, e solo un pizzico di sfortuna ha negato a Roy Nissany la gioia del primo successo stagionale. Dopo la discutibile penalità di 5″ rimediata ieri in gara-1 (inflittagli per un “taglio” alla Prima Variante subito dopo il via) che lo ha privato di un trionfo conquistato sul campo, Nissany oggi si è visto soffiare la leadership dall’ingresso in pista della Safety Car, intervenuta proprio in seguito all’incidente di Fioravanti. Rene Binder e il Team Lotus hanno infatti approfittato della situazione, anticipando in tale circostanza il pit stop e consentendo al pilota austriaco di salire al comando della gara con un ampio margine. Nulla ha potuto in seguito Nissany, se non provare a ricucire il gap a suon di giri veloci: un generoso tentativo che però non ha consentito al pilota israeliano di andare oltre il secondo posto finale sotto la bandiera a scacchi. Un risultato che conferma comunque il pilota israeliano quale uno dei principati contendenti al titolo: dopo tre eventi, infatti, Binder guida la classifica con 98 punti, mentre al secondo posto vi è lo stesso Nissany staccato di 17 lunghezze.

Gara da vero “samurai” per Yu Kanamaru. Il giapponese ha combattuto come un leone, dopo la sfortuna patita in Gara-1 a causa di un problema all’estintore di bordo durante il formation lap. Nonostante una partenza complicata, Kanamaru è riuscito a risalire progressivamente la china, ritrovandosi (complice un pit stop perfetto) in terza piazza tra lo stesso Nissany e Fittipaldi. Il giapponese ha difeso strenuamente la posizione nei giri finali dagli attacchi del brasiliano, consentendo a RP Motorsport Racing di agguantare un doppio podio assai prestigioso nel ‘Tempio della Velocità’.

Weekend decisamente da dimenticare per Damiano Fioravanti. Il giovane pilota romano è stato bersagliato dalla sfortuna a Monza, a causa di un guaio tecnico dopo sole cinque tornate in Gara-1 al quale ha fatto seguito un’uscita di pista alla seconda curva di Lesmo nella seconda prova. Nel corso del fine settimana il rookie di RP Motorsport Racing ha comunque mostrato notevoli progressi e senza dubbio sarà pronto a giocarsi le proprie chance nella prossima tappa a Jerez.

Roy Nissany (pilota RP Motorsport Racing): “E’ stato un grande weekend. Ieri abbiamo avuto un po’ di sfortuna, con quella penalità che non mi ha consentito di cogliere il successo, mentre anche oggi Binder ha avuto la buona sorte dalla sua parte, effettuando il pit-stop proprio nel momento in cui è entrata in pista la Safety Car. Eravamo i più veloci in pista, lo abbiamo dimostrato ampiamente: c’è un pizzico di rammarico, ma sicuramente il bilancio è comunque molto soddisfacente”.

Yu Kanamaru (pilota RP Motorsport Racing): “E’ stato un bel modo per terminare un fine settimana che non era di certo partito nel migliore dei modi, visto l’inconveniente di ieri. La partenza non è stata molto positiva, ma poi abbiamo mantenuto un buon passo e grazie anche all’egregio lavoro dei meccanici ai box sono riuscito a rientrare in pista al terzo posto. Desidero ringraziare tutta la squadra per il lavoro svolto e…anche per la splendida festa a sorpresa organizzata per il mio compleanno!”

Damiano Fioravanti (pilota RP Motorsport Racing): “Ci tenevo molto a fare bene nella mia gara di casa, ma purtroppo le cose sono andate in maniera diversa dalle aspettative. Ieri stavamo andando bene, ma purtroppo un guaio al cambio mi ha costretto ad alzare bandiera bianca dopo poche tornate. Oggi c’è stato un piccolo contatto alla prima curva che mi ha danneggiato la vettura e che poi è stato alla base della successiva uscita di pista dopo alcuni giri. Sono dispiaciuto, ma al tempo stesso felice per il risultato del team. Un particolare ringraziamento va a tutti i miei tifosi che sono venuti a trovarmi qui a Monza”.

Fabio Pampado (Team Principal RP Motorsport Racing): “Siamo molto soddisfatti per quanto raccolto nel corso del weekend, peccato soltanto per non essere riusciti a cogliere quel successo che avremmo ampiamente meritato. Un applauso va ai nostri piloti e a tutto lo staff del team, il lavoro svolto è stato davvero eccezionale. Adesso guardiamo al futuro con grande fiducia, mantenendo i piedi per terra ma consapevoli della nostra forza”.

La World Series Formula V8 3.5 tornerà in pista tra due settimane sul circuito spagnolo di Jerez de la Frontera, già sede dei test invernali. Un appuntamento al quale RP Motorsport Racing si presenterà con rinnovate ambizioni e con l’obiettivo di confermare quanto di buono messo in mostra in questa prima parte di campionato.